GRUPPO U.N.I.T.A.L.S.I. INTERPARROCCHIALE PORTO D'ASCOLI SAN BENEDETTO DEL TRONTO Parrocchie:Cristo Re-SS.Annunziata-Sacra Famiglia-S.Giacomo della Marca
     GRUPPO U.N.I.T.A.L.S.I. INTERPARROCCHIALE PORTO D'ASCOLI                           SAN BENEDETTO DEL TRONTO         Parrocchie:Cristo Re-SS.Annunziata-Sacra Famiglia-S.Giacomo della Marca

IIII CATECHESI 17/12/2019

Il quinto incontro della catechesi interparrocchaile dell’unitalsi di Porto d’Ascoli si è svolto a Cristo Re con don Pio! Dopo la recita della compieta, data la vicinanza del Natale il sacerdote ha deciso di parlare del bravo del Vangelo dell’ultima domenica di avvento cioè Mt 1, 18-24:
“Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
Però, mentre stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa "Dio con noi". Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l'angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.”

Don Pio ci ha ricordato che è importante la storia di Israele per capire le scritture e ci ha fatto un breve riassunto per date
- 1850 circa a.c. la Scelta di Dio cade su Abramo che genero’ Isacco che genero’ Giacobbe che ebbe 12 figli tra cui Giuseppe che rese agli ebrei un tempo propizio in Egitto;
- 1650/1250 circa a.c.  Schiavitu’ in Egitto per popolo ebreo fino alla venuta di Mose’ che porta il popolo fuori dall’Egitto in terra di Canaan ma Mosè non entrerà nella terra promessa, lo farà Giosuè e poi ci sarà inizio di varie guerre fino alla richiesta del popolo ebraico a Dio di avere un re che sarà Saul; ma Saul non sarà il re giusto e verrà quindi scelto Davide, figlio di Iesse da Betlemme e ciò accadrà attraverso l’intervento del profeta Samuele;
- 1050 a.c. Inizio del regno di Davide (dopo che Saul e Davide regnano contemporaneamente ma Davide avrà la meglio e Saul si ucciderà) che sarà un grande re in grado di riunire insieme le 12 tribù di Israele a Gerusalemme;
- 1000 a.c. Regno di Salomone;
- 700 a.c. Assiri conquistano Gerusalemme e portano gli schiavi ebrei a ninive 721 (a.c.),
- 586 a.c. Nabucodonosor distrugge Gerusalemme.
Questo quadro serve per capire il passo del Vangelo che riprende il profeta Isaia vissuto nel 740 a.c. ai tempi dell’invasione degli assiri. Il re del tempo Acaz non vuole rivolgersi a Dio per timore e non Lo prega affinché Israele sia libero allora il profeta dice a Acaz che sarà il Signore a dare un segno  (vedi Antico testamento Isaia 7,14“Pertanto il Signore stesso vi darà un segno. Ecco: la vergine concepirà e partorirà un figlio, che chiamerà Emmanuele. “ (Dio con noi)
Tutto viene fatto da Dio per la salvezza del popolo e di tutte le genti. Don pio ricorda che tutti i salmi sono incentrati sull’umanità e sul popolo santo, cioè scelto da Dio: non a caso gli ebrei anche oggi seppur sparsi nel mondo sentono forte il legame del popolo unico!
Isaia (riportato da Matteo nel Vangelo) ricorda che una donna salverà il popolo ma non solo quello ebraico! Tutti sono destinati alla salvezza per questo Dio si è incarnato!
Nel Vangelo di Matteo (1,1-17) che poi richiama Isaia è riportata una genealogia di padre in padre di 14 in 14 generazioni (anche se probabilmente è simbolica) perché per gli ebrei “dare il nome” era fondamentale per far riconoscere l’essenza della casa di appartenenza e l’angelo da il nome Gesù (che vuol dire Salvatore) per dare proprio significato specifico alla sua persona e alla sua missione e lo fa tramite la figura Giuseppe! Anche se Gesù non discende da Giuseppe, infatti nel Vangelo come generatrice viene data Maria (rompendo la linea del padre)! Si ricorda poi che tutti i numeri del Vangelo sono multipli di 3 e di 7 e di 10 perché questi numeri hanno un valore sacro per gli ebrei! Sarebbero molte le cose di cui parlare dice Don Pio ma una sola conta cioè che “Dio è con Noi” e sempre Don pio ci fa riflettere, in conclusione, sul fatto che Dio sceglie sempre il nulla (come dice San Paolo ai Corinti) cioè gli ultimi (come i lebbrosi nel Vangelo e come così fa la Madonna quando appare ai più poveri) e si è incarnato per dare speranza salvezza e consolazione soprattutto a loro!
Con un momento di condivisione e preghiere finale si è concluso l’incontro :..Sereno Natale!

 

Vuoi far parte della nostra famiglia unitalsiana? Contattaci nelle nostre parrocchie oppure chiama il nostro Presidente Domenico al num. 3496659817

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
Unitalsi Interparrocchiale Via Damiano Chiesa 33 63074 San Benedetto del Tronto