GRUPPO U.N.I.T.A.L.S.I. INTERPARROCCHIALE PORTO D'ASCOLI SAN BENEDETTO DEL TRONTO Parrocchie:Cristo Re-SS.Annunziata-Sacra Famiglia-S.Giacomo della Marca
     GRUPPO U.N.I.T.A.L.S.I. INTERPARROCCHIALE PORTO D'ASCOLI                           SAN BENEDETTO DEL TRONTO         Parrocchie:Cristo Re-SS.Annunziata-Sacra Famiglia-S.Giacomo della Marca

Catechesi 06 Aprile 2016

Il tredicesimo incontro adulti/unitalsi si è svolto presso il salone dell’accoglienza nella parrocchia Cristo Re, con Francesca.

Si è cercato di approfondire il tema della “casa” come nostro focolare ma anche intesa come gruppo parrocchiale.

Francesca ci ricorda che il giorno di Pentecoste Maria riceve lo Spirito Santo nel cenacolo ed è lì che si compie il suo viaggio, l’impegnativo percorso di fede che ha vissuto attraverso i tanti incontri della sua esistenza. Quello con lo Spirito Santo è un incontro che invia sulle strade del mondo: trovando posto nella comunità cristiana e nei luoghi della vita, comprendendo che siamo invitati a parlare i linguaggi di tutti, facendo esperienza di come questi incontri ci cambino e ci siano scambi reciproci. I viaggi partono sempre da “chi siamo” e, in un certo senso, quando li compiamo, ricapitolano sempre il cammino vissuto fino a quel momento per renderci pronti ad una nuova partenza!

Per raccontare il nostro viaggio, partiamo sempre da un posto ben preciso e questo posto è sempre la Casa. Francesca ci ha proposto una diapositiva con alcune definizioni di “casa” date da personaggi famosi senza specificarli all’inizio  e chiedendoci di indovinare chi secondo noi le avesse dette!

  • La mia casa è piccola ma le sue finestre si aprono su un mondo infinito.

  • La casa è quel posto dove, quando ci andate, vi accolgono sempre.

  • La casa è un luogo decisivo nella vita, dove la vita cresce e si può realizzare, perché è un luogo in cui ogni persona impara a ricevere amore e a donare amore. Questa è la mia casa.

  • La casa è dove posso stare in pace. La casa è dove posso portare pace.

 

Dopo questa simpatica premessa, siamo stati invitati a dire quale sia, per ciascuno di noi, la caratteristica che rappresenta la nostra casa, che per noi la rende più importante! Ecco le risposte: casa intesa come condivisione, famiglia, sicurezza, sollievo, traguardo, amore, affetto, malattia, tranquillità personale (dove “non ci rompe le scatole nessuno”), relazione, unione, vicinanza verso il bisognoso, relax, confronto, accoglienza.

Francesca poi ci ha chiesto di rapportare le nostre sensazioni sulla casa, verso il gruppo o servizio parrocchiale di appartenenza, anch’esso visto come una sorta di “casa”, e ci ha invitati a riflettere su ciò che, secondo noi, manca nel vivere il gruppo. E’ stato detto che mancano umiltà e confronto, che c’è scarsa condivisione, poca comunicazione e, di conseguenza, poca partecipazione! Solo alla fine è uscita la parola fondamentale: Preghiera! Senza Preghiera nessun gruppo e nessuna casa possono camminare verso mete vere e profonde!

La fede e la preghiera conducono alla resurrezione! Per questo Francesca ha ritenuto opportuno mostrarci un video sull’esperienza di una famiglia facente parte dell’azione cattolica di La Spezia che, perdendo una figlia piccola per malattia, tramite l’aiuto di tanti amici e soprattutto tanta fede, è riuscita a superare questo momento tragico, creando un’associazione che promuove iniziative e attività rivolte ai bambini e ai minori, per garantire e supportare in vari modi e sotto varie forme il benessere sociale ed educativo dei più piccoli (per i dettagli dell’associazione, iniziative e contatti consultare il sito www.isognidibenedetta.it)! Questa famiglia porta un messaggio di speranza: in un evento che può annientare, vedere una reazione così grande dovuta alla fede nel vangelo, è un esempio meraviglioso. La mamma di Benedetta racconta che quando un amico della figlia, le ha chiesto dove fosse andata e perché non la vedesse più, lei gli ha risposto che sicuramente Benedetta è andata a stare in un posto meraviglioso e che se saranno in gamba, ci andranno anche loro quando sarà il momento! Il bimbo è rimasto molto contento della risposta e la mamma che lo accompagnava e non voleva che facesse domande per non creare imbarazzo, alla risposta ottenuta è rimasta stupita da tanta serenità da parte della famiglia! Vivere la Resurrezione nel quotidiano, sentire la vicinanza di chi non c’è più ogni momento sapendo di rincontrarsi sicuramente nella gloria eterna, può sperimentarlo soltanto chi è saldo nella fede e nell’amore! Questo raccontato dalla famiglia di Benedetta è un viaggio che ha cambiato la loro esistenza, la morte della piccola è stata un punto di partenza, seppur nel grande dolore, e non la fine di tutto!

Per gli apostoli, dopo la morte e resurrezione di Gesù, è stata la stessa cosa. Gesù appare loro sulla via di Emmaus e loro lo riconoscono nello spezzare il pane nel cenacolo (cenacolo stesso simbolo di casa)! E Cristo Risorto, prima di mandarli nel mondo ad annunciare la Parola, li invita a tornare a casa, in Galilea (dove tutto è iniziato)! E ricominciano da lì: cena fraterna, presenza dei fratelli, la custodia di Maria e delle donne seguaci del Maestro! Da quella casa (in qualche modo il cenacolo) parte il viaggio della comunità cristiana sulle strade del mondo, incontrando tutto il mondo!

Sarebbe bello riflettere su questa catechesi, anche in vista del pellegrinaggio che il nostro gruppo farà il 21 maggio al santuario di Santa Maria Goretti (Corinaldo, AN) dove sarà possibile ricevere l’indulgenza (la remissione della pena temporale per i peccati già “perdonati” da Dio attraverso la Confessione) con i passaggi previsti (confessione, predisposizione a compiere il pellegrinaggio, momento di preghiera secondo le intenzioni del Papa, partecipazione alla messa, recita del Gloria e del Credo).  Naturalmente ci si deve impegnare in opere di carità e penitenza che esprimano la conversione del cuore. Tutto questo percorso deve essere fatto con Fede ma anche con la Gioia dell’incontro con l’infinito Amore di Dio!

 

Vuoi far parte della nostra famiglia unitalsiana? Contattaci nelle nostre parrocchie oppure chiama il nostro Presidente Domenico al num. 3496659817

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
Unitalsi Interparrocchiale Via Damiano Chiesa 33 63074 San Benedetto del Tronto